Mercoledì, 11 Dicembre 2019
A+ R A-

Solo la passione e l'impegno possono dare buoni risultati e il recupero di Rosabianca ne è un esempio. Edificio storico con un secolo di vita, è stato recuperato e fatto rinascere, senza perdere tutta la tradizione e la storia che esso porta con sè. Sede della trattoria-locanda Rosa d'Oro, si è deciso di mantenerne in parte il nome in modo da sancire una ideale continuità con il secolo passato.

Colori chiari, materiali naturali, il bianco (da cui il nome) che regna incontrastato, esaltano la mole e la geometria dell'edificio mentre il nuovo volume adicente afferma nelle forme la propria natura contemporanea rivestendosi di trachite. All'interno, il bianco fa spazio ai tessuti, ai legni, mentre le varie tonalità di marrone contribuiscono a riscaldare l'ambiente. Nel sottotetto, in un gioco di contrasti, travi tradizionali e lamiere sanciscono l'unione tra tradizione e innovazione contemporanea.

Il recupero, fortemente voluto dalla famiglia Azzolin (tuttora proprietaria dell'edificio) è stato pensato e curato da C+Partners.